Skip to main content

Tag: Modello 231

Policom adotta il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Nell’ottica dell’impegno verso la responsabilità sociale e l’etica aziendale, Policom ha scelto di dotarsi del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (“Modello 231”), disciplinato dal Decreto Legislativo n. 231 dell’8 giugno 2001 e finalizzato alla prevenzione dei rischi connessi alla normativa in materia di “responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica”, di cui costituisce parte integrante il Codice Etico e di Condotta e il Codice Antimafia.

Il Modello 231 si compone di un insieme di regole, procedure e strutture organizzative orientate a perseguire una politica di prevenzione e contenimento del rischio di reato ed è rivolto a tutti coloro i quali operino attivamente nel contesto delle attività aziendali di Policom. Pertanto, tutti dovranno attenersi alle prescrizioni ed alle disposizioni in esso contenute, siano essi amministratori, componenti del collegio sindacale, dipendenti, collaboratori, consulenti, clienti e fornitori.

La stesura del Modello 231 è avvenuta facendo tesoro dell’esperienza propria dell’organizzazione di Policom ed è stata frutto di un’attenta analisi dei processi aziendali, al fine di determinare l’esposizione della società stessa ai cosiddetti “reati presupposto” contemplati nel d.lgs. n. 231/2001.
In concreto, l’attività di individuazione dell’esposizione ai predetti reati, definita tecnicamente come mappatura delle aree (dell’attività aziendale) sensibili (al rischio di commissione di reati), è stata articolata (anche) tramite un’attenta attività di interviste che ha coinvolto i soggetti chiave dei processi esistenti nell’organizzazione della società.

Con l’adozione di questo Modello, Policom compie ulteriori passi verso la diffusione di una sana cultura imprenditoriale poiché in esso vengono fissati in maniera inequivocabile i valori di etica, trasparenza e rispetto della legalità.

Il documento è pubblicato e consultabile qui